Uomini e donne, alleati o nemici?

Uomini e donne, alleati o nemici?
Esempio di collega supporter che si presta alle mie richieste di foto “spontanee”.

Uomini e donne, alleati o nemici? I have a dream… no dai non rubiamo gli incipit altrui.

Senza farla troppo pesante…qual è, quale è stata la vostra esperienza di lavoro con i colleghi uomini?

A me tante volte è capitato di essere in riunioni in cui ero l’unica rappresentante del gentil sesso.

Non vi nascondo che si percepisce chiaramente che ci sono tre tipi di uomini:

-quelli diffidenti, infastiditi, che partono sempre prevenuti. Con cui ti devi proprio conquistare credibilità, autorevolezza e mantenerla costantemente. Perché ti aspettano fissi al varco in attesa di un errore o della conferma che non ce la puoi fare. Sono quelli che appena possono fanno un commento infelice, sessista e svilente.

-quelli che preferirebbero proprio che non fossi seduta al tavolo, perché troppo maestrina, troppo giovane… troppo donna. Che se possono, ti evitano.

E poi la mia categoria preferita: i supporter. I colleghi preparati, stimolanti e che se anche hanno maggiore esperienza, danno valore al tuo punto di vista, lo ricercano, perché sanno che può solo arricchire.

E incentivano ad esprimerlo. Questi uomini, quando sono capi, creano squadre miste perché sanno che l’output è migliore.

Specialmente quando si lavora e si ragiona su prodotti e servizi pensati per le donne, per cui anche l’esperienza personale può dare un valore aggiunto.

In uno dei libri che mi ha cambiato la vita e di cui parlerò spesso, ossia “Lean in”, “Facciamoci avanti” di Sheryl Sandberg (la numero due di Facebook) le aziende sono equiparate ad un aeroplano di cui uomini e donne rappresentano le ali. Il volo può essere davvero stabile solo quando entrambe equamente danno il loro contributo. Anche e soprattutto ai piani alti!

Secondo i dati di Eurostat 2018 però “Le donne rappresentano poco più di un quarto dei membri dei consigli di amministrazione nell’UE (27%) e meno di un quinto dei dirigenti (17%). Nonostante le donne siano all’incirca la metà di tutti i lavoratori dipendenti all’interno dell’Unione.”

Chiamatelo soffitto di cristallo, chiamatelo impari opportunità, chiamatelo il prezzo da pagare per la maternità, ma questi sono i dati.

Io credo che a volte anche noi siamo le prime a tirarci indietro per paura o le prime a non farci avanti quando si prospetta un’opportunità.

In questo dobbiamo ancora imparare molto dai nostri colleghi. E voi uomini che state leggendo, se state leggendo…E magari siete a capo di un team. Di quale categoria fate parte?

Il mio consiglio non richiesto di oggi quindi è di ricordarvi di far sedere al tavolo delle decisioni anche le donne, pensate a quanto possa essere difficile per alcune dire la propria quando si sente in minoranza.

Incentivatela a parlare e ad esprimere il proprio parere, magari regalandovi un punto di vista nuovo e inatteso. E noi, cerchiamo di provare a esprimerlo sempre, quel parere.

E nella vostra esperienza… Uomini e donne, alleati o nemici?

Leggi anche...
La sindrome dell’impostora

La sindrome dell’impostora: alzi la mano chi sa cos’è. Io l’ho scoperto qualche anno fa leggendo il libro della mia Read more

Storie di donne mitologiche per bambine mitiche

Storie di donne mitologiche per bambine mitiche: un titolo un programma. Come potevo non comprarlo? Proprio io che mi chiamo Read more

Il gender pay gap: è un tabù? Ne parlo io

Il gender pay gap (tradotto in italiano: la differenza di retribuzione tra donne e uomini) è un tabù. Purtroppo se Read more

#5. La ragazza del treno. Un libro di Paula Hawkins

"La ragazza del treno" di Paula Hawkins è il quinto libro del poster che ho letto l'anno scorso. Se non Read more

Share it 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto